Cura Fiori e Piante

In questa pagina Fioraio Baldesi vuole fornire alcuni consigli utili ai propri clienti, sulla conservazione di fiori recisi e la cura di piante, che hanno acquistato in negozio o ricevuto a domicilio.
I fiori e le piante, infatti, sono prodotti vivi e per questo hanno bisogno di attenzioni per tutta la loro vita senza subire interruzioni che potrebbero pregiudicarne la durata. Può succedere che per qualche disattenzione i prodotti anche se di ottima qualità, poi un volta portati a casa non abbiano la durata sperata, per questo fioraio Baldesi vuove fornirvi alcune indicazioni utili.
 

Rose e altri fiori recisi

Prendersi cura delle rose e altri fiori recisi non è difficile, basta osservare alcune semplici regole: una volta acquistati o ricevuti per regalo è importante metterli al più presto in un vaso con con l'acqua, e al riparo da correnti d'aria e da fonti di calore.
In seguito ogni 2 giorni al massimo è bene cambiare l'acqua, pulire il vaso, e ritagliare i gambi in modo obliquo a 45° o più, appena sopra la vecchia tagliatura, questo per facilitare l' assorbimento dell'acqua e prolungare la durata dei fiori. Un altro consiglio è di utilizzare un vaso con l' acqua che sia alta almeno 30 cm nel caso di fiori a stelo lungo, i quali possono avere più difficoltà ad assorbire acqua, altrimenti se sono fiori a stelo corto come i bouquet sono sufficienti circa 10 cm di acqua. Quando si mettono le rose o altri fiori in un vaso è bene che i gambi siano senza foglie, che decomponendosi causano la prematura decomposizione anche dei gambi, oltre che provocare cattivi odori; per tutto questo ci sono speciali prodotti che prevengono la decomposizione dei gambi ed allungare l' intervallo del cambio dell' acqua, in alternativa alcuni consigliano di aggiungere alcune gocce di candeggina all' acqua del vaso. Quando si deve scegliere il luogo di conservazione tenere presente che le correnti d'aria causano una notevole dispersione d'acqua nei fiori e quindi quest'ultimi possono appassire non riuscendo ad assorbire sufficiente acqua, per tutto ciò è bene preferire luoghi caldi a quelli ventilati. Può capitare che per una disattenzione i fiori appassiscono, per risolvere questo problema è possibile ritagliare i gambi come descritto sopra, metterli in un vaso con molta acqua in luogo fresco al riparo da correnti d'aria. Infine è importante evitare di mettere i fiori vicino alla frutta, che, con le sostanze emesse, farebbe deteriorare in maniera precoce i fiori.
 

La tagliatura del gambo

Come descritto sopra, è importante effettuare la tagliatura dei gambi a 45° o più con un coltello affilato, in modo da facilitare l' assorbinento dell' acqua, perchè con un taglio obliquo si aumenta la superficie di contatto con l' acqua e quindi se ne migliora l' assorbimento, poi rinnovando la tagliatura si assicura un percorso sempre ottimale per l' acqua, non ostacolato da parti in decomposizione. Alcuni tipi di fiori, come i crisantemi, non devono essere tagliati in modo obliquo, ma spezzati a mano, in quanto in questi casi è questo il modo per facilitare l'assorbimento dell' acqua vista la struttura fibrosa interna del gambo; altri tipi di fiori, invece, come quelli legnosi è bene, oltre a tagliarli in modo obliquo, spaccare a croce il gambo per aumentarne ulteriormente la superficie di contatto con l' acqua, in quanto questo tipo di gambi tende ad avere maggiori difficoltà ad assobire l' acqua. Il punto dove effetture la nuova tagliatura può essere appena sopra la vecchia tagliatura, nel caso il gambo si presenti in buone condizioni, oppure quando il gambo si presenti decomposto è bene tagliarlo in modo da eliminare la parte che presenta decomposizione.

 

Piante di orchidee Phalaenopsis

Anche per le piante di phalaenopsis Baldesi vuole fornire qualche consiglio utile per la loro cura, infatti queste hanno bisogno di essere mantenute umide bagnando con una tazzina da caffè circa ogni 2 giorni le scaglie di pino nelle quali sono immerse le radici oppure immergere tutto il vaso in un contenitore facendo oltrepassare l'acqua del contenitore al vaso dell'orchidee, in questo modo le innaffiature possono essere più distanziate nel nempo e cioè ogni 3 o 4 giorni.
Per quanto riguarda il luogo ottimale dove porre queste piante per favorire anche una nuova fioritura, Baldesi consiglia di metterle in un luogo con molta luce e umidità, come può essere difronte ad una finestra in un bagno evitando la luce diretta del sole soprattutto in primavera e estate. Una cosa importante in generale per tutte le piante è quella di non far ristagnare l'acqua sotto le piante ad esempio nel portavaso o nella fioriera perchè tende a danneggiare le radici soffocandole.
 

Piante di Anthurium

Per le piante di Anthurium Baldesi consiglia di tenerle in un luogo con molta luce non diretta del sole, per quanto riguarda l' innaffiature, bagnarle da una volta a settimana in inverno a due volte in estate, cercando di assicurarsi che abbiamo sempre il terriccio superficiale del vaso umido, evitare il ristagno dell' acqua nel portavaso come visto per i phalaenopsis, in più sarebbe bene spruzzarle ogni tanto con acqua sulle foglie.
 

Piante di Spathiphyllum

Per quanto riguarda le piante di spathiphyllum Baldesi consiglia di tenerle ad una temperatura dai 18° di notte ai 20° - 25° di giorno come è presente negli appartamenti, mantenere il terriccio umido innaffiandole dalle due/tre volte a settimana nel periodo estivo ad una volta in inverno, evitando anche in questo caso il ristagno dell' acqua nel portavaso. Anche queste piante hanno bisogno di molta luce indiretta del sole.
 

in aggiornamento....

 
Pagina Facebook Fioraio Baldesi  Instagram -  Fioraio Baldesi Pinterest - Fioraio Baldesi Google - Fioraio Baldesi
logo PayPal
BALDESI BRUNO s.n.c - FIORI E PIANTE - Servizio Interflora
Via Pistoiese, 48 59100 Prato (PO) (zona Porta Pistoiese vicino al vecchio Ospedale)
Tel. e Fax 0574 24373 Ab. 0574 632883 e.mail info@baldesifioraio.com
p.iva:00310470976 c.f.:03596320485